Altamura ritorna l’Epicentro della cultura

Ritorna “Epicentro”, la rassegna biennale organizzata e promossa dal Movimento Culturale Spiragli con l’obiettivo di definire un campo di confronto in cui il dialogo interdisciplinare, interreligioso e interculturale sia strumento di comprensione di un contesto globale sempre più orientato all’esclusione invece che all’inclusione, alla discriminazione in luogo dell’integrazione, alla costruzione di muri piuttosto che all’edificazione di ponti.

Con “Epicentro” la città di Altamura diviene punto nevralgico di un dibattito libero e aperto su questioni che riguardano l’uomo inteso nella sua individualità e in quanto parte di un sistema socio-politico-culturale più complesso, nel quale appare improrogabile la necessità di definire nuovi modelli esistenziali e relazionali che permettano di guardare alla diversità come a un’opportunità di crescita collettiva e non come a una minaccia dalla quale difendersi.

Gli incontri, che vedranno protagonisti personaggi di spicco del panorama culturale nazionale e internazionale, si svolgeranno presso l’Agorateca di Altamura, una Biblioteca di Comunità realizzata con i fondi FESR del POR Puglia 2014/2020 e concepita per essere spazio di condivisione della conoscenza e di aggregazione tra individui senza distinzione di sesso, età, fede religiosa e appartenenza politica.

 

Questo il dettaglio della rassegna:

Asmae Dachan, Le voci dei siriani, 6/12/2019

Jean-Claude Chincheré, I campi profughi libanesi, 31/01/2020

Giancarlo Visitilli e Kader Diabate, La pelle in cui abito, 19/02/2020

Guido Barbujani, L’invenzione delle razze, 07/03/2020

Alexian Santino Spinelli, La cultura millenaria del popolo Rom, 20/03/2020

Edoardo Lombardi Vallauri, La lingua disonesta, 17/04/2020

Beate Christine Weyland e Sandy Farag Attia, Progettare scuole tra pedagogia e architettura, 24/04/2020

Giovanna Cristina Vivinetto, Dolore minimo -la persona oltre il genere-, 08/05/2020

 

Author: Spiragli

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *