Alain Laboile: the family at the edge of the world

Venerdì 12 maggio 2017, alle ore 19.30, si inaugura al MAT di San Severo The family -at the edge of the world-, la mostra del fotografo francese Alain Laboile, curata dal Movimento Culturale Spiragli di Altamura e dallo stesso Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo, in collaborazione con Linearte e con  il patrocinio della Regione Puglia.

La mostra, che resterà aperta fino al 18 giugno 2017, rientra nella programmazione dell’Assessorato alla Cultura della Città di San Severo e nell’ambito delle rassegne “Epicentro”, organizzata e promossa dal Movimento Culturale Spiragli, in collaborazione con il MAT e l’Accademia della Crusca,  e “L’Oltre, l’Altro, l’Altrove”, organizzata e promossa dal MAT, in una sinergia culturale che vede lavorare insieme differenti ambiti territoriali della Puglia, con l’obiettivo di costruire un comune sistema turistico-culturale.

L’esposizione riunisce 50 fotografie tra le più importanti e significative realizzate da Laboile a partire dal 2007, quando, all’età di 39 anni, iniziò a lavorare al suo album di famiglia, ritraendo i suoi figli nei loro giochi spensierati, dal suo capanno su un terreno isolato nel sud della Francia: fotografo autodidatta che possedeva una sola immagine della sua infanzia, voleva semplicemente documentare il passaggio del tempo con la sua famiglia.

La casa, il campo, il bosco e lo stagno sono alcuni dei set a cielo aperto in cui le forze telluriche sembrano impossessarsi dei giovani corpi in movimento.

L’allestimento, progettato e realizzato dalla factory pugliese Sistemalab, si snoda attraverso un percorso articolato, in cui il tema dell’infanzia, della sua prorompete vitalità, emerge in tutta la sua positiva e contagiosa energia.

Alain Laboile, che sarà presente il giorno dell’inaugurazione, è nato a Bordeaux il 1° maggio del 1968. Da quando i suoi scatti, raccolti nell’album La Famille, sono stati resi pubblici sul web, ogni giorno migliaia di persone attendono nuove immagini di questa speciale tribù. Immagini spensierate, spontanee, non posate, dei ragazzi mentre giocano in casa o all’aperto, a stretto contatto con la natura.
Nel dicembre del 2012, il talento di Laboile è stato celebrato dal New York Times. Da allora il suo lavoro è stato esposto in Giappone, negli Stati Uniti, in Olanda, in Argentina ed in Francia, dove espone spesso a Parigi. Il grande fotografo americano Jock Sturges lo decreta tra i migliori fotografi viventi.

Oggi le fotografie di Alain Laboile hanno una loro collocazione nella tradizione storica della fotografia familiare e, dal 2014, fanno parte della collezione permanente del Musée Français de la Photographie  a Bièvres, in Francia.
Kehrer Verlag, uno dei più grandi editori d’arte tedeschi, gli ha dedicato una monografia nel 2015.

Author: Spiragli

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *